Che cos’è lo smart working? La Top 5 dei luoghi comuni e delle (mezze) verità

Quando siamo finalmente riuscite a spiegare il modello Oltriamo® a chi ci chiedeva cosa concretamente fosse e abbiamo visto illuminarsi in volto persino chi fino a pochi minuti prima guardava alle parole consulenza strategica” e business coaching con la stessa perplessità con cui i cuccioli inclinano la testa su un lato e osservano il padrone blaterare nel suo linguaggio sconosciuto, credevamo che la sfida più difficile del nostro lavoro – raccontare, far comprendere e rendere consapevoli – l’avessimo superata a pieni voti.

E invece, neppure il tempo di gongolarci per il nostro piccolo successo che, appena avviato Italian Smart Working, ci sono piovute addosso domande bizzarre, battute a freddo e reazioni a caldo che ci hanno fatto quasi gelare il sangue nelle vene.

Così, un po’ per giocare noi, un po’ per divertire voi, Simona, Maddalena ed io abbiamo deciso di raccogliere le reazioni più gettonate che i nostri interlocutori ci hanno regalato davanti alla frase “Sono un consulente/Sono un coach di smart working”.

Quindi, abbiamo stilato per voi la top five delle risposte più esilaranti, quelle che più ci hanno fatto ridere e contemporaneamente, per i motivi che spiegherò tra qualche riga, più ci hanno fatto riflettere:

#5 Smart… come gli Smarties?

#4 Ah sì sì, il fatto che si può lavorare pure da casa col computer: mia cugina vende una cosa miracolosa su Internet, io ho perso 3 chili, a voi vi serve qualcosa?

#3 Ah bello, e invece qual è il tuo lavoro vero?

#2 Wow, e anche voi in ufficio avete gli scivoli e i tavoli da biliardo come Google?

#1 Ma chi vi capisce a voi giovani, ormai non ci sono più i valori e i mestieri di una volta.

 

Alla numero #3, Simona sta ancora ridendo, , tant’è che ha sentito l’irrefrenabile voglia di dedicarvi un post che potete leggere qui.

 

Io, devo ammettere che non sono ancora riuscita a decidere quale sia la mia preferita, perché tutte, in vario modo, chiamano in causa quelle parti di me che da diversi anni nutrono la mia passione per lo smart working, e da sempre guidano le mie scelte personali e lavorative: la passione per le auto veloci e per la guida sportiva, la dieta del lunedì inizio la dieta, lo stile provocatorio, l’amore per la tecnologia, il disagio con tutto quello che puzza troppo di vecchio, l’allergia alle frasi generaliste e la smania di smontare i luoghi comuni …

E allora, se la prima reazione davanti alla top five dei luoghi comuni sullo smart working è stata la risata, la seconda è stata la riflessione. Perché qualche volta, dietro un luogo comune si nasconde una mezza verità.

Ed è mio dovere, come consulente di smart working, portare alla luce questa verità, provando a fare un po’ di chiarezza.

Perciò…

 

Articoli correlati

CoWorking in spiaggia: vacanza e lavoro si fondono nelle strutture turistiche Le professioni che oggi si possono svolgere da remoto, grazie semplicemente ad una buona connessione internet, sono in aumento. Se fino a pochi anni f...
Smart Coaching: in azienda ogni attore ha il suo ruolo Le esigenze individuali del lavoratore, per quanto spesso sembrino essere molto lontane da quelle dell’azienda, in realtà hanno con queste ultime molt...
Smart Working: le nuove tecnologie per il lavoro da remoto Da una parte ci sono tutti quelli che lo considerano il futuro, il modo migliore per lavorare e gestire al meglio i propri impegni e soprattutto la pr...

Commenti

commenti

Rosanna Silenti
Consulente Strategico d’Impresa e di Smart Working - CEO di Oltriamo
Ho lavorato per 12 anni come Direttore Generale e poi Amministratore di un gruppo societario con un fatturato di centinaia di milioni di euro.
Ho svolto un percorso formativo e lavorativo come Business Coach e Consulente aziendale, e sono oggi membro della APCO.
Sono l’asso nella manica di qualunque PMI che voglia migliorarsi e aumentare il proprio Business.

Per questo, il nostro motto è... andare oltre e portare «oltre» i nostri imprenditori e le loro PMI!
Rosanna Silenti on Linkedin