“Sono un Coach di Smart Working”: ah bello, e qual è il tuo lavoro vero?

Si sa, le nostre mamme non sempre vanno d’accordo con la tecnologia e con la modernità.
Proprio per questo motivo io le trovo incredibilmente adorabili, soprattutto nei loro goffi tentativi di dimostrare che, se nella vita sono sopravvissute alla sfida di educarci, amarci e badare con la stessa intensità alla casa, al lavoro e alla famiglia, non sarà certamente la modernità a spaventarle.
Perché loro, le nostre super mamme, non indietreggiano mai: loro non si lasciano intimorire dalle cose difficili e non arretrano né si arrendono davanti alle mille sfide di questa vita.

Proprio per questo motivo, nel mio tempo libero uno dei miei hobby preferiti consiste nel coinvolgere mia madre in una sfida moderna e complessa: capire qual è il lavoro che faccio!
Sapeste le risate che mi faccio ogni volta, soprattutto quando è presente anche il resto della famiglia e mia madre può liberamente abbandonarsi a una delle espressioni napoletane più vivide e dense di significato: Tu tiene sempe ‘a capa fresca, io tengo ‘a capa ca me volle! (letteralmente: Tu hai sempre la testa fresca –- cioè libera da pensieri e sempre pronta a divertirsi – io ho la testa che mi bolle – cioè piena di pensieri che la affollano in modo tumultuoso).

La capa fresca, per esempio, l’ho avuta quando dissi a mia madre che mi ero specializzata come Business Coach e, avvertendo il sentore che di lì a poco avrei riso a crepapelle, le domandai se sapesse chi è e cosa fa un Business Coach. Ebbene, quel giorno lei mi rispose convintamente: “Sì, certo, tu vai nelle aziende che stanno fallendo e le salvi”.
Vorrei riuscire a darvi un’immagine realistica di quanto risi in quella occasione, nel tentativo di spiegarle che non ero né un curatore fallimentare né tantomeno il Padreterno, ma temo che nessuna parola potrebbe rendere veramente giustizia a una mamma epica.

Adorabili le nostre mamme, super anche quando un po’ ci fanno incazzare!

Così adorabile che, quando ho scelto di diventare Coach di Smart Working, ho pensato che ben tre parole inglesi, messe una dietro l’altra per spiegare una professione sola, fossero veramente troppe per la capa ca volle di mia madre. E allora ho deciso di sperimentare la reazione prima con altre cavie, incontrate più o meno casualmente, per capire come le persone reagiscono davanti alla frase “Sono un Coach di Smart Working”.
Ebbene, le risposte sono state a dir poco esilaranti, tant’è che Rosanna e io ci siamo divertite a stilare la top five dei luoghi comuni sullo smart working.

Articoli correlati

Organizzare lo spazio di lavoro: 5 motivi per cui vale la pena farlo L’organizzazione del proprio spazio di lavoro, che sia l’ufficio o la propria scrivania, è spesso una cosa molto personale: ognuno segue strategie div...
CoWorking in spiaggia: vacanza e lavoro si fondono nelle strutture turistiche Le professioni che oggi si possono svolgere da remoto, grazie semplicemente ad una buona connessione internet, sono in aumento. Se fino a pochi anni f...
Le 10 regole che ogni buon imprenditore dovrebbe seguire Piccola non vuol dire avere meno problemi. Chiunque sia a capo di una PMI è consapevole che il percorso da compiere per raggiungere determinati obiett...

Commenti

commenti

Simona Recupito
HR Manager e Coach di Smart Working - Co-founder di Oltriamo
Coach e Master PNL certificata, voglio mettere a disposizione delle PMI la mia naturale empatia e la mia guida.
Aiuto l’imprenditore, i manager e i collaboratori dell’azienda a stabilire correttamente e raggiungere gli obiettivi aziendali.
Attraverso un lavoro personalizzato e concordato con l’azienda, conduco ogni singola figura professionale a sentirsi realizzata nel successo aziendale.

Per questo, il nostro motto è... andare oltre e portare «oltre» i nostri imprenditori e le loro PMI!
Simona Recupito on Linkedin